frequentazioni

20140528_065554In questa pagina le mie effettive frequentazioni sulla rete e perchè, niente di più e niente di meno. Ovviamente una pagina in costante evoluzione…si accettano proposte motivate!


 

logopoliscritturePoliscritture-blog di critica letteraria

Un sito/rivista non convenzionale di critica letteraria resistente, al quale sono stato invitato a collaborare nella redazione, per chi pensa che ancora si può mettere in discussione l’esistente a partire dalla cultura.

logopoliscrittureLo Zibaldone di Poliscritture

Poesia non solo celebrata ma soprattutto discussa e criticata: per i moltinpoesia che vogliono confrontarsi e non solo complimentarsi.


 

Mayoor-Da qui nulla uscirà che possa cadere oltre la bocca, una canzone forse.

Per quanto mi riguarda le poesie migliori che leggo in questi tempi.


blog arminio comunità provvisorie, il blog di Franco Arminio e dei paesologi. La metropoli e il paese, il tema della morte e la sua sedimentazione progressiva nella vita e la poesia come narrazione.


cropped-fonti-energia-rinnovabili11

Energia Felice il sito dell’omonima associazione che promuove cultura e formazione, ricerca e informazione sui temi delle energie rinnovabili e dei beni comuni. Promosso e animato tra gli altri da Mario Agostinelli.


logonew

il sito della rivista Azione nonviolenta, nata come cartaceo nel 1964 oggi a più di 50 anni di distanza continua a uscire e rilanciata con un completo restyling grafico e contenutistico.


Un blog Magazine online per sviluppare una critica al concetto attuale di arte contemporanea.

 


La cosa migliore per presentare questo blog è lasciare la parola agli autori che ci spiegano chi sono…

“Le parole e le cose ospita opere letterarie, saggi brevi, recensioni, riflessioni sul presente: testi di natura diversa, ma uniti dal tentativo di parlare della realtà attraverso la letteratura e le arti. Abbiamo deciso di usare la rete perché i siti internet, nell’ultimo decennio, hanno oggettivamente cambiato i modi del dibattito culturale in Italia, ricreando uno spazio pubblico che le trasformazioni editoriali degli anni Ottanta e Novanta avevano distrutto. Questa apertura ha prodotto anche il suo rovescio: l’esibizionismo, alcuni interventi di bassa qualità, l’autopromozione narcisistica, la degenerazione dei dibattiti. Il nostro sito vorrebbe mantenere la vivacità del nuovo medium senza assecondarne le derive.”

Come non sottoscrivere, soprattutto la parte finale?

Annunci