ITEMPIEIVERSI

Tag: rumori di fondo

8^ Edizione Premio Nazionale Editoriale di Poesia – Arcipelago Itaca Edizioni

Paul Klee – il castello e il sole

Sapere che le proprie poesie sono apprezzate in contesti diversi da quelli amicali, da parte di persone che non conosco e non conoscono me, è sempre stato un elemento importante e motivatore. Per questo ogni tanto partecipo a qualche concorso di poesia, selezionando tra quelli che mi sembrano per composizione della giuria, organizzazione e articolazione delle sezioni più interessanti di altri (ce ne sono veramente tantissimi, forse uno al giorno a contarli tutti, e anche su questo ci sarebbe da riflettere). Ho deciso così di mandare una raccolta di poesie al premio nazionale di poesia promosso dalla casa editrice “Arcipelago Itaca” .

Sono così risultato tra i “finalisti” come risulta dagli esiti del lavoro della giuria:  vincitori_8a_ediz._premio.

Avrei avuto piacere di conoscerne le motivazioni ma questa possibilità è riservata dal regolamento del premio solo ai “vincitori”. Ne prendo atto ma mi spiace perché la recensione critica su un opera è importante. La raccolta che ho inviato è di fatto una sistemazione dei lavori già pubblicati in questo blog ai quali ho cercato di dare un filo conduttore denominandola “Rumori di fondo”. I “Rumori di fondo” alludono alla “materia” nella quale viviamo immersi senza esserne per la maggior parte del tempo consapevoli, come capita con l’acqua per i pesci secondo il famoso racconto zen; la chiamo materia e non suono perchè, sperimentata nello scorrere della quotidianità, plasma la nostra vita, ne fa un oggetto indecifrabile e alla fine incomprensibile, determina la nostra storia collettiva, orienta la politica nel gioco dei silenzi e non detti. Se invece questi rumori riusciamo a percepirli, a far si che si stacchino dal fondo, allora possiamo reagire e pensare che ci possono essere altre possibilità, altre storie, politicamente più giuste.

rumori di fondo

labirinto – cattedrale di Chartres da https://www.goticomania.it/cattedrali/cattedrale-notre-dame-di-chartres.html
E’ l’ora di un grande silenzio 
E’ l’ora che si dorma - sulle lastre
tra le offerte speciali	 	tra gli sconti
a decantare nelle vasche 	mentre 
il mare resta ancora da scavare
i gabbiani issano ponti levatoi
la spesa è da fare 	-	i commessi e le cose
non sanno le parole da spendere
quando la morte si fa strutturale
scolano preghiere dalle gronde – la litania di Bill Frisell

la ragione è scartata insieme alle comete 
al diritto di votare 	alle piattaforme 
vale la religione dei social 	i turiboli sul palco 
la boule dell’accidia - il dubbio di essere a ritroso

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: