ITEMPIEIVERSI

Tag: aria

Fragile

Milano – Foto di Elena DAndrea

sapere di andare via      affacciarsi
a quella finestra      contare sfilate sul pavé
contare i lati lascia-ti senza perimetri

svegliarsi friabili fragili      deboli
forse non più vivi      circolare

  1. vizi smussati    
  2. viaggiare senza biglietti del treno

entriamo nei cinema e forum      anche nelle chat
Camus sogna la certezza dei           calendari
presenti dai muri       poi      ad un certo punto il futuro
è un cucchiaio per la minestra

un passo prima di farne un altro
la pioggia sotto un capannone
le bolle di cotone nel naso      la moneta unica

toccherà ad altri questa sera
lasciare l’aria per la colazione

Oggi si torna

 

Emilio Vedova - foto mia

Emilio Vedova – Milano – foto mia

  1. Oggi si torna dalla guerra a Troia
  2. ma non ci sono cavalli per farla
  3. finire – l’aria è malata da tempo
  4. casi sani sono minuti persi sotto

 

al tavolo – si guardano le mani e non so contare

tutte le dita che mi porto dietro

Edipo fa bolle di sapone

per poi farle saltare

 

il mito dell’idrocarburo ignoto, bicchieri e bar

sulla testa una asticella tra paura

del noto e vene – ignote che vogliamo

 

toccare sotto il collo – le pantofole fuori porta

sono segno di tregua – Hopper mai stato più solo del silenzio

quello che si vede nelle vetrine

Perdersi

 

…è così facile perdersi
da dimenticare il perimetro del pensare
come se respirare si potesse
senza aria come se l’aria non fosse
mai stata respirata      allora a dismisura
si smonta l’onda e svita la selce
per il taglio del tendine

non so più che serva per
tornare a pensare      qualcosa
una spinta un detrito      scorie
progressiste      la guerra è solo sound-track

sul terrazzo le erbe sanno che fare
con il sole      si scrollano la polvere
qualcuno da portare fuori resta

dove le orme vengono a galla
e la sabbia un livido che non passa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: