Giorni

scultura di Sigurjon Olafsson – Reykjavík – La foto è mia

È impossibile avvicinare la grande poesia se non si vuole almeno sapere di che vivono gli uomini e se non ci si propone di operare in conseguenza. Questo è esattamente il contrario di ogni attribuzione di poteri o trattamenti speciali alla letteratura e all’arte.

(Franco Fortini da “Insistenze”)

e’ la giornata che      finisce      nero muro sotto sale
tra lenzuola una gam-ba      si e’ per-sa un’altra
si conta i passi

si applica     azione digitale per star bene     notizia piove e nessuno si bagna    

le pietre si girano a guardare                 discutono i tram
il da farsi la domenica                            al finesettimana per
la gioia è in punta puntu-                      ra di ago agio
alito sciolto nel palato                            iniezione

da grandi fare i palombari       cercare resti disumani
fare quelli che prendono del tempo     fare la spesa     bere

del tè in fondo al mare     aspettare