se mi volto

 

se mi volto e penso con gli occhi
quanto puoi stringere i tuoi
per scriverne che l’ombra
diventa luce nel fondo
dei the che beviamo
quasi per farci strenua compagnia

allora pesiamo quanta vigilia      è una porta
che si apre      quanta deriva
ci porta sotto costa dove
un sorriso non basta ed i pensieri
o quello che serve – li stendo interi ad asciugare

oggi non ho paura di fare
le scale con te né del libro che si chiude
per questo mi chino      nel calco del tuo viso

Annunci